Categories:

Bitcoin DeFi può essere inarrestabile, che aspetto ha?

Una delle aziende bitcoin più tranquille ma meglio finanziate al mondo si sta preparando ad entrare nell’arena della finanza decentralizzata (DeFi) del 2020.

A luglio il conglomerato DG Lab, che come Ethereum powerhouse ConsenSys include sia un braccio di investimento che una società di software adiacente, ha aperto la sua proposta di trading di derivati auto-sovrvrani sulla blockchain Bitcoin Evolution, utilizzando il Lightning Network.

Questi contratti trasformano il bitcoin, l’asset stesso, in denaro programmabile capace di una più ampia varietà di funzioni.

Ciò offre un netto contrasto con il tipico approccio DeFi finora adottato, che si basa su rappresentazioni „avvolte“ di bitcoin o piattaforme di scambio. I cLabs della Silicon Valley hanno recentemente acquisito la società DeFi Summa, che ha guidato l’approccio bitcoin-on-Ethereum. Ora sembra che DG Lab, fondata nel 2015, sia il principale operatore storico che esplora le opportunità di DeFi per Bitcoin.

„Ho lavorato su una proposta per integrare i DLC [Discreet Log Contracts] e i canali nel Lightning Network“, ha detto il ricercatore del DG Lab Ichiro Kuwahara del suo recente lavoro. „Possiamo stabilire molti contratti senza transazioni di trasmissione sulla catena di blocco“.

Questo software utilizza il Lightning Network per eseguire la logica di business senza intasare la blockchain di base. La tendenza più calda tra i veterani del Bitcoin in questi giorni è immaginare la funzionalità DeFi applicata alla valuta bitcoin attraverso tali strati. Ci sono molte opinioni su come affrontare questa opportunità, dal DLC alle forchette morbide.

Concorso

Non tutti sono d’accordo su come usare Lightning per i contratti intelligenti.

Il veterano della Bitcoin Jeremy Rubin, che ha lanciato la sua startup Judica quest’estate, ritiene che la Liquid Network della Blockstream, che aziende come Crypto Garage usano per sperimentare tali contratti intelligenti, complichi eccessivamente la costruzione.

„Penso che possiamo farlo in modo molto più semplice. … È risolvibile in catena, ma può essere fatto anche nei canali [Lightning]“, ha detto Rubin in un’intervista, spiegando come la sua proposta di forcella morbida Bitcoin potrebbe ottimizzare lo strato di base per i contratti intelligenti. „Posso costruire questo contratto, che è un derivato, senza che tu sia online“. Posso fare un contratto valido e poi inviarvelo via e-mail“.

Al giorno d’oggi, entrambe le estremità di una transazione Fulmine devono partecipare più o meno nello stesso momento per il pagamento. (O, per lo meno, entrambi devono impostare tutto in anticipo.) Rubin sostiene che c’è un modo per far sì che una parte possa eseguire una transazione consensuale. Le chiavi pubbliche permettono all’altra parte di vedere, ogni volta che vengono online, la prova di tutto ciò che riguarda l’affare.

„E‘ questa nozione di flusso e di condizionalità che attualmente non esiste in Bitcoin“, ha detto Rubin. „[Questi progetti DeFi 2020] servono a definire i pendolari… una sequenza di passi che può avvenire sulla base di scelte lungo il percorso“.

Ci sono abbastanza ingegneri che lavorano sulle opzioni DeFi per Bitcoin che uno di loro potrebbe tecnicamente funzionare, anche se socialmente non prende piede. Solo il tempo ci dirà quali di esse trovano il mercato del prodotto adatto, e come questo possa o meno stimolare l’adozione della crittografia.

Tori giapponesi

Facendo un passo indietro, i tori della DeFi al DG Lab Fund hanno raccolto oltre 93 milioni di dollari nel 2019 e, secondo il post sul blog dell’azienda, stanno raccogliendo un secondo fondo nel 2020.

Il fondo ha investito in DG Lab, l’omonima startup separata, che ha attirato contemporaneamente investitori da imprese giapponesi, tra cui il gigante dell’e-commerce Kakaku.com e il fornitore di telecomunicazioni KDDI. Nel frattempo, lo stesso DG Lab Fund ha investito in River Financial, Arwen, Blockstream e Curv, per citarne alcuni, oltre a startup in settori adiacenti come AI e sicurezza.

„Abbiamo diverse start-up che stanno lavorando con il DLC. Ad esempio, Suredbits è uno degli attori chiave in questo campo e stiamo lavorando a stretto contatto con loro“, ha detto Shunichi Kimuro, senior manager della DG Lab Fund. „Volevamo mostrare cosa è possibile fare utilizzando il protocollo Bitcoin utilizzando i nostri derivati peer-to-peer [P2P]“.

Un’altra startup chiamata Crypto Garage, in cui la DG Fund non ha investito direttamente, sta usando la tecnologia Liquid di Blockstream per esplorare questo tipo di software smart-contract.
„Definite i risultati dei vostri contratti e create una transazione per ognuno dei risultati. E può essere sbloccata solo con una delle transazioni dei risultati o con l’accordo reciproco tra i partecipanti al contratto“, ha detto il tecnico di Crypto Garage Thibaut Le Guilly in un’intervista.

Rubin ha sottolineato che anche se non è d’accordo con Le Guilly su alcuni aspetti, questi progetti Bitcoin hanno molto più in comune tra loro che con i progetti Ethereum DeFi.